14 gennaio 2017

13 gennaio 2017

Cronaca di un fresh-mob in memoria di Alfredo Ormando.
Sotto una pioggia scrosciante che ci ha inzuppato perbenino nel percorso dalla metro al colonnato del Bernini malgrado il provvidenziale ombrello che prudentemente Claudio (Mori) aveva insistito a portare, siamo entrati nella piazza per uno dei varchi, attraversando la teoria dei pellegrini in coda per accedere alla Basilica e schivando guide e urtisti vari.
Sorpresa !
 Il grande albero di natale che mi ha sempre impedito di deporre i tulipani dove Alfredo si è dato fuoco ieri non c'era più e anche il presepio era stato tolto; mancavano anche le cntinaia di transenne e di sedie che spesso avevano complicato notevolmente l'accesso alla piazza: insomma campo libero ovunque.
Nel frattempo la pioggia è diventata una pioggerellina e ci ha permesso di fare un paio di foto ricordo con l'aiuto di di una signora sudamericana, e un piccolo filmato.
Abbiamo deciso di lasciare stavolta il mazzo dei tulipani nella piccola vasca della fontanella accanto al cerchio di marmo in terra, quello di Alfredo...
L'anno prossimo saranno 20 anni: il tempo corre veloce.



Nessun commento: